ragazza sdraiata al mare che indossa un cappello che tiene fermo sul capo con la mano

 

Dopo gli sforzi fatti nei giorni appena trascorsi per ottenere un’abbronzatura perfetta, perdere in poco tempo gli effetti della vostra paziente esposizione ai raggi solari è alquanto fastidioso; ma esistono dei trucchetti per prolungare l’abbronzatura dopo le vacanze.

Importante per mantenere l’abbronzatura è curare l’idratazione della vostra pelle attraverso prodotti per la cura della persona altamente nutrienti ed un’alimentazione mirata. Come per la preparazione all’esposizione solare, per prolungare la tintarella dovete bere almeno due litri di acqua al giorno e distribuire nell’arco della giornata il consumo di tanta frutta e verdura: frutta e verdura di colore giallo-arancio, frutti rossi, che possiedono proprietà antiossidanti e curative, frutta secca ed olio d’oliva, riserve fondamentali di vitamina B ed E. Inoltre consigliamo di evitare il bagno in vasca soprattutto con acqua calda, prediligendo invece una doccia con acqua tiepida e per lavarvi gel o oli per il corpo, invece del classico docciaschiuma. Onde evitare un eccessivo sfregamento della pelle, per asciugarvi tamponate con accappatoio o asciugamano morbidi e, ai primi segni di disidratazione e desquamazione della pelle, effettuate un leggero gommage un paio di volte a settimana. In questo modo uniformerete il colorito ed eviterete la formazione di chiazze su viso e corpo. Se non riuscite a prevenire questi aloni più chiari, potete utilizzare le creme autoabbronzanti per restituire una maggiore uniformità al colorito.

Infine per prolungare l’abbronzatura dopo le vacanze cercate di fruttare qualsiasi occasione (pausa pranzo, week-end e momenti di relax) per concedervi ancora un pochino di esposizione solare, ricordandovi però che è normale e sano per il nostro organismo che la tintarella sia una fase transitoria per la nostra pelle e non una condizione permanente.

Fonte immagine: http://farm4.staticflickr.com/3768/9884680303_3644dc2528.jpg