pancia femminile

 

La digestione lenta è un problema molto comune che colpisce uomini e donne di tutte le età. I principali fastidi che procura sono un evidente gonfiore, un senso di pesantezza e talvolta anche dolori addominali ed un’attività intestinale irregolare.

(Ti interessa Prodotti cura persona?)

Si potrebbe semplicisticamente pensare che la causa sia il mangiare troppo, ma in realtà non è tanto la quantità, quanto la qualità di ciò che mangiamo ed il come mangiamo a condizionare fortemente la digestione lenta o corretta. Vediamo più nel dettaglio le cause di questo fenomeno e le possibili soluzioni per tornare ad avere una pancia piatta, ma soprattutto ritrovare leggerezza e benessere prima, dopo e durante i pasti. La digestione lenta, tecnicamente chiamata dispepsia, può essere di tre tipi:

1. organica, legata alla carenza degli enzimi digestivi necessari e dovuta in genere a gastrite, esofagite, sindrome del colon irritabile, traumi, uso prolungato di determinati farmaci ed altre infiammazioni dell’apparato digerente.

2. funzionale, quindi dovuta a problemi meccanici dell’apparato digerente.

3. isterica, forse la più comune ma anche la più sottovalutata, generata da stress, disturbi emotivi, intolleranze o allergie alimentari, e da uno stile di vita sbagliato ed irregolare.

Non possiamo sostituirci a medici e farmacisti, ci limiteremo quindi a darvi dei consigli semplici e di buon senso che, seguiti con assiduità aiutano molto a contrastare il gonfiore e la digestione lenta. Innanzitutto mangiare piano e fare micropasti distribuiti nell’arco della giornata è sicuramente indicato per non gravare troppo sul processo digestivo; fumo, alcool e caffè sono da evitare per lo meno nella fase acuta del problema, perché sono sostanze molto irritanti; evitare di indossare abiti troppo costrittivi; cercare di limitare lo stress e i ritmi frenetici.

Fonte immagine: https://farm1.staticflickr.com/45/177520675_5527dc472f.jpg