bottiglietta di latte materno

 

Usare gli strumenti per la raccolta del latte materno dopo le poppate può essere un metodo molto efficace per mantenere viva la produzione del latte della neomamma ed aiutare il bambino in fase di allattamento. Gli obiettivi della raccolta sono, dunque, molteplici:

  1. Stimolare le mammelle a produrre più latte;
  2. Stimolare una quantità di latte utile ad eventuali integrazioni alle poppate;
  3. Svuotare del tutto il seno per una sostituzione integrale della poppata da somministrare al neonato.

Nel primo caso e usando gli opportuni strumenti, la raccolta del latte materno dura pochi minuti, negli altri due è più prolungata: se la suzione del bambino è bassa, il latte va raccolto anche fino ad otto volte al giorno. In periodi di particolare stanchezza o agitazione può capitare che vengano prodotti quantitativi inferiori, quindi non c’è da allarmarsi se capita di avere meno latte. Le tecniche per raccogliere il latte sono la spremitura manuale del seno o l’utilizzo del tiralatte, manuale o elettrico, che può essere comodamente noleggiato (visto anche il costo dell’apparecchio) per il periodo necessario.

In entrambi i casi è molto importante che le mani siano ben lavate e disinfettate e che la mamma sia seduta comodamente in modo da potersi rilassare: la vicinanza del bambino è senz’altro d’aiuto per stimolare la fuoriuscita del latte. Non dobbiamo mai tralasciare l’importanza del fattore psicologico, soprattutto in fasi delicate come la raccolta del latte materno.

 

Fonte immagine: www.flickr.com/photos/amagill